Schermata 2021-10-15 alle 10.49.14

NEWS di oggi di QUOTIDIANO SICUREZZA

Schermata 2021-10-15 alle 10.49.14

VVF, chiarimenti sul Dm 1° settembre manutenzione impianti antincendio

 

DM 1° settembre 2021 Criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a) punto 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”. Primi chiarimenti. Questa la circolare dei Vigili del Fuoco n.14804 del 6 ottobre 2021 che riporta indicazioni sull’applicazione del DM apparso in Gazzetta Ufficiale lo scorso 25 settembre e che sarà in vigore tra un anno.

Il documento tratta in particolare la formazione degli addetti alla manutenzione di impianti sistemi e attrezzature, i contenuti dei corsi, le caratteristiche dei docenti, le attrezzature che questi devono utilizzare. Differenziando i compiti dei docenti per la sola parte teorica, pratica o per entrambe le parti. Allegando i modelli per l’ammissione all’esame per la qualifica di manutentore.

Le indicazioni sono strutturate su tre appendici:

  1. “Caratteristiche dei docenti e centri di Formazione;
  2. Programmi corsi manutenzione presidi;
  3. Richiesta di ammissione all’esame per l’abilitazione a tecnico manutentore qualificato dii impianti, sistemi e attrezzature antincendio” (Caso 1: richiesta di esame completo a seguito di frequenza di corso di formazione; Caso 2: richiesta di esame completo ai sensi dell’allegato ii punto 1 comma 5 (norma transitoria); Caso 3: richiesta di esame ridotto ai sensi dell’allegato ii punto 4 comma 4 (norma transitoria – solo valutazione del curriculum e prova orale).

La circolare ricorda che sono esclusi dall’applicazione del decreto gli interventi di manutenzione straordinaria sugli impianti da art. 1, comma 2 del decreto 37/2008.

 

 

Modalità verifica green pass sul lavoro, approvazione Garante Privacy

Il Dpmc 12 ottobre sulla verifica del green pass in ambito lavorativo ha ricevuto prima di essere approvato, il parere favorevole del Garante per la protezione dei dati personali.

Gli aspetti analizzati dal Garante sullo schema di decreto e approvati il 12 ottobre 2021 hanno interessato l’utilizzo di sistemi applicazioni (SDK) integrati nei sistemi di controllo degli ingressi, e l’uso di nuove integrazioni per le verifiche con Piattaforma NoiPA o Portale istituzionale INPS.

Il Garante ricorda che l’attività di verifica dovrà interessare esclusivamente i dati sul green pass e che il QR code non potrà essere conservato, consultato e estratto.

Anche la verifica automatica tramite Inps Portale o sistemi di interoperabilità applicativa per aziende sopra i 50 dipendenti dovrà consentire di “visualizzare la sola informazione del possesso o meno di un green pass valido”.

 

Verifiche green pass sul lavoro, Dpcm 12 ottobre in GU, le FAQ, download SDK

Firmato dal presidente del Consiglio Mario Draghi il 12 ottobre 2021 il Dpcm con le modalità di verifica del possesso delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito lavorativo. Questa la nota del Governo che lo riassume.

Il Dpcm riporta misure per la verifica quotidiana della certificazione verde nei luoghi di lavoro, a partire dal 15 ottobre 2021, giorno in cui se ne attiverà l’obbligo. Prevede in sintesi:

  • integrazione lettura QR code nei sistemi automatici di rilevazione presenze e temperatura;
  • interazione asincrona Piattaforma NoiPA e Piattaforma nazionale-DGC;
  • interazione asincrona Portale istituzionale INPS e Piattaforma nazionale-DGC per datori di lavoro con più di 50 dipendenti;
  • per amministrazioni pubbliche con almeno 1.000 dipendenti interoperabilità asincrona sistemi operativi di gestione del personale e Piattaforma nazionale-DGC.

Il testo ufficiale del Dpcm 12 ottobre firmato dal Presidente del Consiglio Draghi e pubblicato dal Governo Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 ottobre 2021 Modifiche al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 17 giugno 2021, recante «Disposizioni attuative dell’articolo 9, comma 10, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, “Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

Gli allegati A, B, C che sostituiscono i precedenti del Dpcm 17 giugno 2021 e il nuovo allegato H.

Il Dpcm 12 ottobre 2021 – Gazzetta Ufficiale n.246 del 14 ottobre 2021.

PA

Firmato contestualmente un Dpcm per la Pubblica Amministrazione, con linee guida per le verifiche sugli obblighi dei dipendenti:

  • l’obbligo di green pass per l’accesso alla Pa non riguarda gli utenti, ma ogni persona che vi accede per lavoro: dipendenti, dipendenti imprese pulizia, ristorazione, manutenzione, rifornimento distributori, consulenti e collaboratori, corsi di formazione, corrieri;
  • in attesa del rilascio della certificazione verde potranno essere utilizzati i “documenti rilasciati dalle strutture sanitarie pubbliche e private, dalle farmacie, dai laboratori di analisi, dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta”;
  • non potrà restare sul posto di lavoro chi non sarà in possesso di green pass, assenza ingiustificata, compresi festivi e non lavorativi, le assenze non comporteranno licenziamento;
  • datore lavoro o delegato per iscritto, responsabile dei controlli;
  • controlli all’accesso o successivamente a tappeto o con campione quotidiano almeno del 20% a rotazione;
  • controlli con Verifica C-19 e piattaforme simili a quelle già utilizzate per la scuola,
  • flessibilità orario di ingresso per agevolare le verifiche.

Il testo ufficiale del Dpcm 12 ottobre con le Linee guida in materia di condotta nelle pubbliche amministrazioni per l’applicazione della disciplina in materia di obbligo di possesso e di esibizione della certificazione verde Covid-19 da parte del personale. Le Slide del Ministero della PA.

Dpcm 12 ottobre 2021 linee guida PA – Gazzetta Ufficiale n.246 del 14 ottobre 2021.

Per quanto riguarda ancora la PA, in Gazzetta Ufficiale 12 ottobre 2021 n.244 il Dpcm 23 settembre 2021 Disposizioni in materia di modalità ordinaria per lo svolgimento del lavoro nelle pubbliche amministrazioni. Dal 15 ottobre modalità di lavoro abituale sarà quella in presenza.

Pubblicato quindi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri dipartimento della Funzione pubblica, in attuazione del citato Dpcm 23 settembre 2021, il Decreto 8 ottobre 2021 Modalità organizzative per il rientro in presenza dei lavoratori delle pubbliche amministrazioni – G.U. 13 ottobre 2021, n. 245.

FAQ

Le FAQ del 12 ottobre chiariscono in sintesi quanto previsto a partire dal 15 ottobre per la gestione degli obblighi sia nel pubblico che nel privato.

Ogni azienda è autonoma nei controlli, gli incaricati dei controlli devono essere individuati formalmente.

Queste le 11 domande:

  1. Come devono avvenire i controlli sul green pass dei lavoratori nel settore pubblico e in quello privato?
  2. Come è possibile, per i soggetti che non possono vaccinarsi per comprovati motivi di salute, dimostrare di poter accedere al luogo di lavoro?
  3. I soggetti che hanno diritto al green pass ma ne attendono il rilascio o l’aggiornamento come possono dimostrare di poter accedere al luogo di lavoro?
  4. . Quali provvedimenti deve prendere il datore di lavoro che accerta che il dipendente abbia effettuato l’accesso alla sede di servizio pur essendo sprovvisto di green pass? Quali sanzioni rischia il lavoratore?
  5. Da chi devono essere effettuati i controlli sul green pass dei lavoratori che arrivano da società di somministrazione? Dalla società di somministrazione o dall’azienda in cui vengono distaccati?
  6. I protocolli e le linee guida di settore contro il COVID-19, che prevedono regole sulla sanificazione delle sedi aziendali, sull’uso delle mascherine e sui distanziamenti, possono essere superati attraverso l’utilizzo del green pass?
  7. I clienti devono verificare il green pass dei tassisti o degli autisti di vetture a noleggio con conducente?
  8. parrucchieri, gli estetisti e gli altri operatori del settore dei servizi alla persona devono controllare il green pass dei propri clienti? E i clienti, devono controllare il green pass di tali operatori?
  9. È necessario verificare il green pass dei lavoratori autonomi che prestano i propri servizi a un’azienda e che per questo devono accedere alle sedi della stessa?
  10. . È possibile per il datore di lavoro verificare il possesso del green pass con anticipo rispetto al momento previsto per l’accesso in sede da parte del lavoratore?
  11. Quali sanzioni rischia il datore di lavoro che non effettua le verifiche previste per legge?”.

Sistemi di verifica

Le indicazioni sul portale istituzionale dcg.gov.it sui sistemi di verifica automatizzati e il download del SDK – Software Development Kit.

 

fonte: www.quotidianosicurezza.it

 

admin